La felicità nel piatto | Nonna Nannina

La felicità nel piatto

Questo periodo di quarantena sta mettendo tutti a dura prova, e non solo in cucina. Se è vero che in tanti si stanno improvvisando chef e (soprattutto) pizzaioli, è un dato di fatto che l’isolamento forzato sta avendo ripercussioni sulla psiche oltre che sul girovita.

Il distanziamento sociale ha cambiato radicalmente le nostre abitudini, provocando anche un forte impatto psicologico, dovuto sia alla paura del contagio che allo sconforto per la lontananza dalle persone care. A questo, si aggiunge anche l’ansia per il futuro e l’incertezza su come trascorreremo i prossimi mesi.

Il segreto del buonumore

bambini felici

In attesa che tutto torni gradualmente alla normalità, ognuno sta provando a rendere più piacevoli le proprie giornate, riempiendole di attività che fanno stare bene. C’è chi legge, chi ascolta musica, chi fa scorpacciate di serie televisive o di film, chi dipinge, chi suona, chi cucina. Ma non è obbligatorio fare qualcosa: se siete tra quelli a cui questa quarantena ha regalato pigrizia e voglia di non fare nulla, non dovete assolutamente sentirvi in colpa.

È importante, invece, provare a tenere sempre alto l’umore e, soprattutto, aumentare il livello di serotonina nel sangue. Il cosiddetto ormone della felicità o del buonumore è un neurotrasmettitore che, oltre ad agire sulla digestione, contribuisce anche a regolare il sonno, la memoria e il benessere psico-fisico in generale.

Se tale ormone viene a mancare si dorme male, si è soggetti ad ansie, attacchi di panico fino ad arrivare a veri e propri stati di depressione. L’attivazione di serotonina viene spesso indotta dall’uso di integratori o farmaci antidepressivi ma possiamo aumentarne la produzione anche semplicemente cambiando stile di vita e di alimentazione.

Lo sport, ad esempio, o attività come lo yoga e la meditazione fanno crescere il livello di serotonina nel sangue e contribuiscono a una sensazione di benessere generale.

Gli alimenti che fanno stare bene

cioccolato

Per rilasciare la serotonina, il cervello ha bisogno di un suo precursore, laminoacido essenziale triptofano. La buona notizia è che possiamo introdurre questo aminoacido con l’alimentazione ma, per riuscire a stimolare la produzione di serotonina bisogna combinare tali alimenti con carboidrati, ferro e vitamine del gruppo B.

Tra gli alimenti che sono delle vere e proprie fonti di serotonina c’è il cioccolato fondente e, più in generale, il cacao (capito perché ci basta mangiare un cioccolatino per stare subito meglio?). Dobbiamo dire che un po’ tutti i dolci hanno la funzione di aumentare i livelli di serotonina nel sistema nervoso centrale e, quindi, di favorire il buonumore. Ovviamente, non bisogna esagerare, perché altrimenti si rischia di alzare troppo l’indice glicemico e si va incontro a problemi ben più gravi, come il diabete o l’obesità.

Altri alimenti che alzano il livello di serotonina sono le uova, i formaggi freschi, la carne bianca, i cereali integrali, il salmone, i legumi, il miele, verdure e ortaggi come spinaci, cavoli, pomodori, patate, bietole, funghi. E poi la frutta: ananas, banane, kiwi, avocado, papaya e frutta secca come le noci.

Così come ci sono degli alimenti che aiutano a tenere su il morale, così ci sono anche quelli che hanno l’effetto opposto. La caffeina, ad esempio, è un soppressore della serotonina e, ahimé, se bere caffè vi sembra che vi migliori l’umore, sappiate che è solo una vostra impressione.

La ricetta del buonumore: fusilli con zucchine e pomodorini

zucchine e pomodorini

Sebbene sia difficile, in un momento così complicato e incerto, tenere sempre alto l’umore, il mio consiglio è di provare a combattere con intelligenza i momenti di sconforto, mangiando cibi sani, nutrienti ma che fanno bene anche alla testa e all’anima.

La ricetta che vi propongo oggi è semplice e ben si adatta alle giornate di primavera: fusilli con zucchine e pomodorini.

Ingredienti per 4 persone:

  • 350 g di fusilli o altra pasta corta (meglio se integrali)
  • 3 zucchine medie
  • 250 g di pomodorini
  • mezza cipolla
  • olio di oliva
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • basilico fresco

Procedimento:

Tritate finemente la cipolla e fatela dorare leggermente con un filo d’olio in una padella antiaderente. Lavate e tagliate a rondelle le zucchine e unitele alla cipolla, facendole andare per circa 5 minuti. Nel frattempo, lavate e tagliate a quattro i pomodorini e aggiungeteli alle zucchine. Salate e pepate e fate cuocere per circa 10 minuti.

Nel frattempo, fate cuocere la pasta in abbondante acqua salata e, dopo averla scolata al dente, versatela nella padella con le zucchine e i pomodorini. Saltate per un paio di minuti a fuoco vivace per amalgamare i sapori e servite subito guarnendo con delle foglioline di basilico fresco. Se vi piace, potete anche aggiungere del pecorino grattugiato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *